radio-link

testata-atestata-b

international site

facebook 24googleplus 24issuu 24twitter 24youtube 24

incampo okFilippo Incampo ha partecipato ad un progetto di SVE di breve termine, ospitato dall'associazione Vir’volt, nei pressi di Parigi. Ci ha raccontato la sua esperienza in questo breve articolo.

 Vorrei esordire con una piccola presentazione: mi chiamo Filippo,ho 20 anni e studio lingue all’università da circa un anno.

Fin qui tutto regolare e anche un po’ monotono; in seguito pero’, grazie all’opportunità datami di effettuare un servizio di volontariato all’estero ed in particolare in Francia, ciò che era semplicemente impresso sui libri di scuola è diventato pura realtà e stando sul posto ho avuto la possibilità di affinare non solo le mie conoscenze linguistiche ma anche culturali in quanto mi trovavo in un ambiente stimolante con persone di tutte le nazionalità.

Di conseguenza,ho avuto l’occasione di confrontarmi con coetanei di altri paesi e di imparare da loro, organizzando diverse attività collettive.

A seguito di questa esperienza durata un mese ho avuto modo di conoscere non solo gli altri ma anche me stesso, sapendo mettermi alla prova e ponendomi sfide che fino ad allora non immaginavo di  poter superare.  Ad esempio, ho sempre avuto problemi nel compiere attività manuali che mi sembravano impossibili, tuttavia grazie a questa esperienza svolta in cantiere ho imparato ad utilizzare strumenti che in passato mi facevano addirittura paura,  come il trapano o il martello.

Inoltre sono riuscito a portare la cultura italiana ricca di qualità all’estero, valorizzandola e facendola apprezzare tramite piatti tipici e giornate dedicate alla cultura del mio paese.

In tutto ciò, non mancava ovviamente il divertimento e lo svago con escursioni per la città e feste in cui ho avuto modo di conoscere la comunità locale del villaggio di Saacy-sur-Marne la quale era molto gentile e fiera di accogliere volontari internazionali.

In più la sede di Vir’volt è a Parigi e nel fine settimana abbiamo perfino organizzato escursioni e tour presso la città dei lumi.

incampo paris

Insomma, ho vissuto un mese intenso che mi ha forgiato caratterialmente, rendendomi una persona più aperta e capace di apprezzare l’altro ed eliminando dalla mia mente qualunque tipo di stereotipo o pregiudizio.

Sono riuscito a superare l’individualismo egoistico rendendomi parte di un gruppo e soprattutto sentendomi parte di un qualcosa che ci legava tutti, al di là delle differenze culturali, rappresentata dal senso di solidarietà e dallo spirito di condivisione.

Invito tutti a compiere questo tipo di esperienze che vi cambiano la vita facendovela apprezzare di più e permettendovi di andare oltre la consueta routine che ci rende tutti ciechi e schiavi, dandoci l’illusione che la nostra vita sia solo la nostra città e i nostri soliti amici, privandoci di andare oltre e facendoci rimanere piccoli dentro.