radio-link

testata-atestata-b

international site

facebook 24googleplus 24issuu 24twitter 24youtube 24

paolo e terryPaolo e Teresa hanno partecipato al Training Course sui rifugiati, che si è tenuto a Cracovia lo scorso Aprile. In questo breve racconto, ci descrivono la loro esperienza formativa.

 Il 7 aprile siamo partiti alla volta di Cracovia per partecipare al training “Together in Europe” organizzato dall’associazione polacca Zwrotnica e a cui hanno preso parte diverse organizzazioni provenienti da Germania, Grecia, Italia, Polonia, Slovenia e Spagna. Sei paesi, 22 persone riunite per discutere ed approfondire il tema delle migrazioni e dell’accoglienza nei propri luoghi di provenienza.

Attraverso lo svolgimento delle varie attività, l’incontro con una legale specializzata in diritti umani e la visita in un centro d’accoglienza in Polonia, abbiamo trascorso una settimana all’insegna del confronto, dinamico e curioso, arricchito anche dall’eterogeneità dei partecipanti per età, occupazione, esperienza e prospettiva rispetto al tema. Il gruppo, infatti, costituito da persone dai 21 ai 45 anni, da attivisti, lavoratori del campo e non, studenti, migranti e persone semplicemente interessate alla tematica, ha avuto la possibilità di scambiarsi molte informazioni e opinioni, il che ha portato alcuni anche a mettere in discussione e rivalutato il proprio ruolo e quello della propria organizzazione nella situazione che stiamo vivendo.

Nonostante una settimana ci sia parsa troppo breve per approfondire le discussioni rispetto a quanto avremmo voluto, al termine del training è stato chiaro il punto in comune e gli obiettivi ai quali vorremmo giungere. In comune c’è l’insoddisfazione e la sensazione di un fallimento degli attuali strumenti con cui l’UE e i diversi Stati affrontano la migrazione, c’è la rabbia per l’indifferenza delle istituzioni e della gente rispetto alle situazioni che vivono coloro che giungono in Europa, c’è la rabbia per le rigide ed illogiche burocrazie che non tengono conto del percorso individuale dei singoli. Tra gli obiettivi c’è la voglia di creare rete tra le diverse organizzazioni, scambiarsi idee, metodi e soluzioni affinché nuove collaborazioni possano dare vita a una visione più ampia e a migliori pratiche d’azione.