radio-link

testata-atestata-b

international site

facebook 24googleplus 24issuu 24twitter 24youtube 24

mentor 1Dal 14 al 22 aprile 2018 si è svolto a Codlea, Romania, il corso di formazione incentrato sulla figura del Mentor all’interno del progetto di Servizio Volontario Europeo. Lucia Iacovone ci racconta come è andata questa esperienza.

 Il Servizio Volontario Europeo (SVE) per un suo ottimale svolgimento, include la partecipazione della figura del “mentor”: una persona in grado di accompagnare il volontario durante il suo percorso di apprendimento. Il mentor inoltre, fornisce supporto alle necessità del volontario nel paese ospitante, introduce il volontario nella comunità di accoglienza e lo accompagna per tutta l’esperienza.Durante il training, sono state messe a confronto le diverse esperienze delle associazioni, trovando divergenze sia nell’interpretazione del ruolo del mentor sia nei suoi limiti di azione. Ciononostante, il confronto di pratiche è stato interessante e necessario al fine, per coloro che lavorano nel mondo del Servizio Volontario Europeo, di migliorare il proprio metodo di lavoro e garantire un’esperienza di volontariato più efficace.

mentor

 

 Gli ultimi giorni del progetto, i partecipanti hanno lavorato in piccoli gruppi alla creazione di un compendium di casi di volontari SVE e sono stati forniti strumenti pratici di risoluzioni di controversie.

 

Il metodo utilizzato durante il progetto è stato quello dell’educazione non formale, ancora una volta uno strumento di apprendimento che vede i partecipanti coinvolti in prima persona nelle attività, seguiti da momenti di riflessione comuni e condivisione di pensieri ed emozioni.

Durante il progetto, è stata, inoltre, condotta una visita alla scuola locale per ragazzi e ragazze con bisogni speciali, dove grazie alla dedizione delle docenti, hanno la possibilità di imparare a prendersi cura del giardino o dell’orto, oppure imparano piccoli mestieri artigianali. La scuola per loro costituisce un luogo dove poter sentirsi accettati ed utili, in una società che li esclude ed uno Stato che li ignora.

Infine, alcune parole vanno dedicate alla Romania, un paese di tradizioni e contraddizioni, dal cibo sorprendentemente squisito e dai paesaggi naturali incontaminati, che merita di essere visitata ed apprezzata nella sua varietà.

mentor 2

 

Il progetto ha visto protagonisti 24 partecipanti provenienti da diverse organizzazioni da altrettanti diversi paesi: Pistes Solidaire (Francia), Compass Európai Ifjúsági Közösségért Egyesület (Ungheria), CAT (Polonia), Associazione Culturale Link (Italia), Mille Cunti (Spagna), Patronato Hogar Nuestra Señora de los Ángeles(Spagna), De wissel vzw (Belgio), ASOCIACIJA ESTA SALTES (Lituania), SEIKLEJATE VENNASKOND (Estonia), GAIAC (Portogallo) ed HELLENIC YOUTH PARTICIPATION (Grecia). Coordinatrice del progetto l’associazione  A.C.T.O.R, Romania.